Entrate..., Io sono la porta 

 

Salmo 100:1-5

 

Mandate grida di gioia al SIGNORE,
abitanti di tutta la terra!
Servite il SIGNORE con letizia,
presentatevi gioiosi a lui!
Riconoscete che il SIGNORE è Dio;
è lui che ci ha fatti, e noi siamo suoi;
siamo suo popolo e gregge di cui egli ha cura.
Entrate nelle sue porte con ringraziamento,
nei suoi cortili con lode;
celebratelo, benedite il suo nome.
Poiché il SIGNORE è buono; la sua bontà dura in eterno,
la sua fedeltà per ogni generazione.

 

 

Leggendo questo Salmo, Davide ci incoraggia a lodare il Signore e ci ricorda che la Sua bontà e fedeltà durano in eterno, insieme alle Sue benedizioni. In contrasto con il mondo in cui viviamo, dove ogni cosa è soggetta al deperimento e all'esaurimento, la benedizione di Dio non conosce limiti e tempo.

 

Ma che cosa vuol dire essere benedetti?

 

Ci viene in aiuto I Corinzi 2:9 che dice "Ma com'è scritto: «Le cose che occhio non vide, e che orecchio non udì, e che mai salirono nel cuore dell'uomo, sono quelle che Dio ha preparate per coloro che lo amano».". La benedizione di Dio è estranea a questo mondo. Si tratta di qualcosa che i nostri occhi, le nostre orecchie non hanno mai visto e udito e che, quindi, anche la nostra immaginazione più acuta non potrà mai avvicinarsi ai pensieri di Dio per noi.

Tutto questo per dire che Dio vuole darti al di là di quello che stai chiedendo nelle tue preghiere, perché la benedizione di Dio risponde ai Suoi pensieri, che sono perfetti e troppo alti per noi.

 

Lo stesso profeta Isaia, nel capitolo 64 versetto 4, dà una simile definizione di benedizione. "Mai si era udito, mai orecchio aveva sentito dire, mai occhio aveva visto che un altro dio, all'infuori di te, agisse in favore di chi spera in lui.".

 

Ma come si ottiene questa ineffabile benedizione?

 

Il Salmo in questione ci invita ad entrare "nelle sue porte". Queste porte si riferiscono sì a quelle fisiche del tabernacolo, ma altresì a quelle spirituali. Cristo è la porta per accedere al Padre, come sta scritto in Giovanni 10:9 "Io sono la porta; se uno entra per me, sarà salvato, entrerà e uscirà, e troverà pastura.". E attraverso quelle porte possiamo accedere solo con ringraziamento e con vera lode.

 

Talvolta può capitare nella vita di un credente di attraversare momenti di paura, di depressione; momenti in cui abbiamo i sensi di colpa, ci lamentiamo e/o ci autocommiseriamo. Questi sentimenti ci impediscono di varcare la porta che ci introduce al cortile e poi al Santuario. E questo vuol dire che ci precludono le benedizioni che Dio ha in serbo per la nostra vita. Davide comandava la propria anima, senza rimandare, a benedire l'Eterno e a non dimenticare nessuno dei suoi benefici (Salmo 103:2). 

Anche noi, se necessario, dobbiamo forzare noi stessi ad andare alla presenza di Dio con ringraziamento e con lode, anche quando i nostri sentimenti carnali cercano di impedirlo.

 

Inoltre, la vera benedizione non è solo unidirezionale, cioè da Dio verso i suoi figlioli, bensì pluridirezionale, cioè da noi verso tutti coloro che ci circondano. L'episodio dei Vangeli, in cui Gesù sfamò una folla di 5.000 uomini col solo cibo a disposizione, ne è un chiaro esempio. In Luca 9:16, c'è scritto "Poi Gesù prese i cinque pani e i due pesci, alzò lo sguardo al cielo e li benedisse, li spezzò e li diede ai suoi discepoli perché li distribuissero alla gente.". Quei pani e pesci che Gesù benedisse, servirono per sfamare la folla. Dio vuole farci crescere, progredire spiritualmente per essere di incoraggiamento e di aiuto per gli altri. Una vita di abbondanza e prosperità ha Egli in programma per noi.

 

Isaia 59:19

Così si temerà il nome del SIGNORE dall'occidente, e la sua gloria dall'oriente; quando l'avversario verrà come una fiumana, lo spirito del SIGNORE lo metterà in fuga.

 

Satana è sempre in agguato e ci colpisce come una fiumana con lo scopo di travolgerci con difficoltà dietro difficoltà per non darci neache un pò di tregua. Ecco che lo Spirito di Dio, viene in nostro soccorso e lo mette in fuga.

 

 

   

 

 

 

 

Notizie

Update 18.09.2019 :

 

Modificata bacheca avvisi

 

 


Druckversion Druckversion | Sitemap Diese Seite weiterempfehlen Diese Seite weiterempfehlen
© 2014. All Rights Reserved Chiesa di Monaco