Date loro voi da mangiare!

Luca 9:12-13

 

I dodici discepoli, dopo aver raccontato a Gesù tutto quello che avevano fatto durante il giorno nel Suo nome, si ritirarono in una città chiamata Betsàida. Ma una folla di cinquemila uomini, saputolo, lo seguì e il Signore, nella sua immensa bontà e misericodia, la accolse e le raccontò del regno di Dio. Ad un certo punto però, i dodici, colti dalla preoccupazione, si accorsero che il giorno cominciava a volgere al suo termine ed informarono Gesù di congedare la folla. "Ma egli rispose: «Date loro voi da mangiare».".

 

Questa frase Dio non l'ha rivolta solo ai suoi discepoli due millenni fa, ma a tutti coloro che si sono già "sfamati" di Lui. È attraverso il suo corpo martoriato che noi abbiamo ricevuto salvezza, consolazione, pace e vita eterna. Allo stesso modo, se vogliamo assomigliargli, dobbiamo dare noi stessi ad una folla di "affamati spirituali" in un mondo di deserto.   

 

In quell'occasione, come puntualmente prima di ogni grande miracolo, i discepoli obiettarono, sottolineando la loro impotenza "«Noi non abbiamo altro che cinque pani e due pesci; a meno che non andiamo noi a comprar dei viveri per tutta questa gente».". E ancora al verso successivo, l'evangelista Luca vuole evidenziare ulteriormente che si tratta di una situazione soprannaturale, "Perché c'erano cinquemila uomini.".

Chi di noi si sentirebbe all'altezza di provvedere, con soli 5 pani e due pesci, da mangiare per tutta quella folla?

Tutti noi avremo provato la sensazione di insufficienza, di incapacità e di frustazione di fronte ad un compito che Dio ci ha affidato. Quando dobbiamo evangelizzare o incoraggiare qualcuno, le nostre parole ci sembrano vuote, inefficaci e ripetitive. Ogni occasione ci sembra prematura per parlare di Dio oppure aspettiamo qualche segno divino per farlo. Questo succede quando, come gli apostoli, ragioniamo con una logica tutta umana e non con quella di Dio. Sappi che, quando ci adoperiamo per il Signore, non saremo mai soli, ma Lui sarà a fianco a noi. 

 

Il Signore sta chiamando proprio te per sfamare la folla, punto e basta. Perché dobbiamo mettere sempre il punto interrogativo quando il Signore ci chiama a fare qualcosa?

 

L'unica domanda che dovremmo porci, sarebbe: quanti pani e quanti pesci ci sono nel nostro serbatoio spirituale?

Il nostro è un Dio che dona abbondantemente. Egli vuole che noi ci adoperiamo per la Sua opera, ma l'opera la fa Lui. Noi siamo dei semplici servi, ministri che portano quei pani e quei pesci che Lui stesso ci dà per darli agli altri. E sarà sempre Lui a moltiplicarli per sfamare la folla.

 

Oggi è il momento giusto per saziarci della Parola e della presenza di Dio, per poi dare anche agli altri, prendendo dalla sua fonte inesauribile.

Notizie

Update 18.09.2019 :

 

Modificata bacheca avvisi

 

 


Druckversion Druckversion | Sitemap Diese Seite weiterempfehlen Diese Seite weiterempfehlen
© 2014. All Rights Reserved Chiesa di Monaco